RSS

Archivi tag: alfredo

Stop #13: The magic of Marangoni Cioccolato @ Macerata

Russi-Macerata

After visiting the realm of Giamaica Caffè, the trips under the sign of intoxicating aromas continue: this time you can come with us to meet the magic world of Marangoni Cioccolato, in Macerata.

Negozio

In the late morning we reach the small shop, where we’re welcomed by two nice and kind ladies: Francesca, Mrs. Marangoni and mother of the chocolate master Alfredo, and Carla, that we later find out to be the mother-in-law of Alfredo himself. We look around for a few minutes, fascinated by the glass jars full of different kinds of dragées, by the chocolates neatly placed inside the cases and by the colourful tissue paper that contains the chocolate-covered fruit. Carla offers us a “novembrina”, that is a round and flat dark chocolate with a thin layer of almond paste on the inside. We obviously can’t decline the offer and, in the exact moment we taste it, our immersion in the magic of Marangoni Cioccolato officially begins.
In the meanwhile, from her crimson sofa, mum Francesca starts telling us the story of the family, that goes at the same pace with the one of the shop and of their production.

Cioccolatini

The great-grandfather of her children was the one who launched the activity, which was born as a bakery and continued by his son, who was passionate of both bread and motors (love that he passed down to his grandson Alfredo). Hereinafter, Eros Marangoni, Francesca’s husband, bought the building where part of the family still lives and the shop is located, and he also launched a patisserie, so sweets became part of the family tradition. Being a farsighted man, he was one of the founders of the consortium of bakeries in Macerata, but unfortunately he couldn’t pursue all of his proposals. When he died, Alfredo was about 4 years old, his sister Lorian was 17 and his brother Giorgio 18.
During the years, the family preferred to entrust the management of the bakery and patisserie to the employées, but then…

Cioccolatini allo zabaione

…but then Alfredo, who in the meanwhile got a diploma as a land surveyor, became fond of chocolate and its processing. It’s the eighties, and in Italy there are very few chocolate masters. Even less are those who think of matching fruit and chocolate in a happy marriage of taste.
He started experimenting new pairings and he took the reins of the professional life of Marangoni family, who has always remained united even in this new adventure: Alfredo is the chocolate master, Giorgio works behind the scenes, Lorian takes care of the confection, her daughter Valentina is the brilliant mind who creates the packaging and graphics and, as said before, Francesca and Carla give life to the shop.

Parete con frutta ricoperta

In addition to them, in the small family company work the smiling Cristian, Fabrizio and the intern Giacomo, and two ladies that wrap up every single chocolate in its own colourful tissue paper.

Confezionamento

Imagine a typical day at the laboratory: the few employées untiringly work until lunch time, doing everything by hand, cleaning and preparing the dried fruit or covering it with chocolate, while Alfredo and Lorian keep on working until night, sometimes even late, in order to take care of every single detail of their creations.

Al lavoro sui fichi

As soon as he stops working, Alfredo runs to the shop… or better, under the shop, where he can unload his second passion: music. In the basement he built a rehearsal room, that is now turning into a small recording studio, and there, still dirty with chocolate, he plays the bass and the guitar with his friends, who scold him because his perfume distracts them.

And we could open a separate chapter about the perfume. Entering the laboratory, situated in a small warehouse in a badly paved alley, you’re hugged and pleasantly invaded by a scent of cocoa and rum that, even by itself, would be able to raise again any bad day. Such a scent necessarily has to come from something magic…

Fichi in fase di copertura

In the room where the chocolate creations are produced, we find the guys busy around the machine that is covering – in this case – the figs. On the right, three other machines continuously temper white, milk and dark chocolate.
In the meanwhile, the base of the raisins chocolates is cooling down as much as needed by Alfredo to cut it with a knife, in perfectly similar squares. He is the only one responsible for the cut and preparation of the chocolates and chocolate bars, that he makes by hand in the molds.
We taste another creation: a zabaglione-filled chocolate… greatest of wonders!

Trancetti all'uva passa

Here Alfredo tells us about his philosophy and his way of producing: he only chooses excellent ingredients, even to the detriment of of the price, he experiments with his beloved pots and molds in order to create the best chocolate blends, that change based on the preparation he wants to realize. As regards the covered fruit, Marangoni specialty, for exemple he needs a “round and neutral” dark chocolate, not too acid or invasive because otherwhise it would alter the final taste, covering the flavor of fruit and rum. The latter, moreover, it’s not a random rum but it’s made with an Alfredo’s recipe, so that it’s not too much alcoholic but very aromatic, with a vanilla aftertaste, and none of its shades gets lost during its evaporation.

Frutta in uscita

After finding the perfect balance, the blend of dark chocolate is made in a huge pot, that contains around 700 kg of it, and it’s used to hug fruit and fruit chocolates.
Alfredo’s words are soaked with all of his passion for chocolate, that happily accompanies his life in and out the laboratory. Every creation is born from an idea that is experimented and refined, every chocolate is like a child that belongs to the big Marangoni family.
You understand that Alfredo’s love for chocolate is total and insatiable when he tells you that at night, at home, when he’s hungry, he eats the chocolates that surrounded him during the whole day, never tired of them.

Cioccolatino in sezione

And, after all, it exactly goes in this way: the small Marangoni sweets are unique, each of them is a microcosm where the perfect balance among fruit, rum scent and chocolate emanates at every bite… and you’d love to taste every available type, one after the other, because you never have enough of them.

Fiore di cioccolatini

At this point your mouth is surely (and properly) watering… if you want to personally try the magic of Marangoni Cioccolato, step by the shop La Delizia in Russi (Ravenna) and let yourself get inspired!

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 2 novembre 2013 in English version!, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,

Tappa #13: La magia del Cioccolato Marangoni @ Macerata

Russi-Macerata

Dopo la visita al regno di Caffè Giamaica, continuano i viaggi all’insegna degli aromi inebrianti: stavolta andiamo a conoscere il magico mondo del Cioccolato Marangoni, a Macerata.

Negozio

In tarda mattinata raggiungiamo il piccolo punto vendita, dove veniamo accolte da due simpatiche e gentili signore: Francesca, la Signora Marangoni e mamma del maestro cioccolataio Alfredo, e Carla, che poi scopriamo essere la suocera di Alfredo stesso. Ci guardiamo intorno per qualche minuto, affascinate dai vasi di vetro pieni di dragées di vari tipi, dai cioccolatini che se ne stanno ordinati nelle teche, dalle colorate veline che contengono la frutta ricoperta. Carla ci offre una novembrina, ovvero un cioccolatino fondente tondo e piatto che contiene un sottile strato di pasta di mandorla. Ovviamente non possiamo rifiutare l’offerta e, nel momento esatto in cui lo assaporiamo, ha inizio ufficialmente la nostra immersione nella magia del Cioccolato Marangoni.
Dal suo divanetto color porpora, intanto, mamma Francesca inizia a raccontarci la storia della famiglia, che va di pari passo con quella del negozio e della loro produzione.

Cioccolatini allo zabaione

Il bisnonno dei suoi figli è stato colui che ha inaugurato l’attività, nata come panificio e portata avanti da suo figlio, appassionato sia di pane che di motori (amore, quest’ultimo, che ha trasmesso a suo nipote Alfredo). In seguito, Eros Marangoni, marito di Francesca, ha comprato il palazzo in cui tutt’ora vive parte della famiglia e ha sede il negozio, ed ha affiancato al forno una pasticceria, facendo entrare i dolci nella tradizione di famiglia. Da uomo lungimirante e pieno d’iniziativa qual era, è stato fra i fondatori del consorzio dei panifici di Macerata, ma purtroppo non ha potuto portare avanti tutti i suoi progetti. Quando è morto, Alfredo aveva poco più di quattro anni, sua sorella Lorian ne aveva 17 e suo fratello Giorgio 18.
Nel corso degli anni, la famiglia ha preferito lasciare il forno e la pasticceria in gestione ai dipendenti, ma poi…

Cioccolatini

…ma poi Alfredo, che nel frattempo si è diplomato come perito agrario, si è appassionato al cioccolato e alla sua lavorazione. Sono gli anni ottanta, e pochissimi sono i maestri cioccolatai in Italia. Meno ancora, quelli che pensano di unire la frutta e il cioccolato in un felice matrimonio di gusto.
Lui ha iniziato a sperimentare abbinamenti sempre nuovi ed ha preso le redini della vita professionale della famiglia Marangoni, che è rimasta sempre unita anche in questa nuova avventura: Alfredo è maestro cioccolatiere, Giorgio lavora dietro le quinte, Lorian si occupa del confezionamento, sua figlia Valentina è la mente geniale che sta dietro al packaging dei prodotti e alla grafica e, come detto prima, Francesca e Carla animano il punto vendita.

Parete con frutta ricoperta
Oltre a loro, nella piccola azienda di famiglia lavorano i sorridenti Cristian, Fabrizio e lo stagista Giacomo, e due signore che avvolgono a mano ogni singolo cioccolatino nella sua velina colorata.

Confezionamento

Immaginate una giornata tipo nel laboratorio: i pochi dipendenti lavorano indefessi fino all’ora di pranzo, eseguendo a mano ogni passaggio, pulendo e preparando la frutta secca o ricoprendola di cioccolato, mentre Alfredo e Lorian continuano ad oltranza fino a sera, a volte anche tarda, per curare ogni minimo dettaglio delle loro creazioni.

Al lavoro sui fichi
Appena finito di lavorare, Alfredo corre in negozio… o meglio, sotto il negozio, dove può sfogare la sua seconda passione: la musica. Nel piano seminterrato ha costruito una sala prove, che si sta trasformando in piccolo studio di registrazione, e lì, ancora sporco di cioccolato, suona basso e chitarra con gli amici, che lo sgridano perchè il profumo che emana li distrae.

E sul profumo ci sarebbe da aprire un capitolo a parte. Entrando nel laboratorio, situato in un piccolo capannone in una viuzza poco asfaltata, si viene abbracciati e piacevolmente invasi da un effluvio di cacao e rum che, già da solo, sarebbe capace di risollevare le sorti di qualsiasi giornata no. Un aroma del genere non può che provenire da qualcosa di magico…

Fichi in fase di copertura
Nella sala in cui si producono le creazioni di cioccolato, troviamo i ragazzi impegnati attorno al macchinario che ricopre – in questo caso – i fichi. Sulla destra, tre macchine temperano ininterrottamente il cioccolato bianco, al latte e fondente. Intanto, la base dei trancetti all’uva passa si sta raffreddando quel tanto che basta perchè Alfredo possa poi tagliarla, al coltello, in quadretti esattamente uguali. E’ lui l’unico addetto al taglio, e alla preparazione dei cioccolatini e delle tavolette, realizzati a mano negli stampi.
Assaggiamo un’altra creazione: un cioccolatino ripieno di zabaione… meraviglia delle meraviglie!

Trancetti all'uva passa

E’ qui che Alfredo ci racconta della sua filosofia e del suo modo di produrre: sceglie solo materie prime ottime, anche a discapito del prezzo, sperimenta coi suoi amati pentolini e stampi per creare le miscele migliori di cioccolato, che cambiano a seconda della preparazione da realizzare. Per la frutta ricoperta, specialità Marangoni, ad esempio serve un fondente rotondo e “neutro”, non troppo acido o invadente altrimenti altererebbe il gusto finale coprendo il sapore della frutta e del rum. Quest’ultimo, poi, non è un rum qualsiasi ma è realizzato in base a una sua ricetta, in modo che sia poco alcolico e molto aromatico, con un retrogusto vanigliato, affinché nessuna sfumatura vada persa durante la sua evaporazione.

Frutta in uscita
Dopo aver trovato il perfetto equilibrio, la miscela di fondente per le coperture viene realizzata in un “pentolone”, che ne contiene circa 700 kg, ed è utilizzata per abbracciare la frutta e i trancetti.
Le parole di Alfredo sono intrise di tutta la sua passione per il cioccolato, che accompagna felicemente la sua vita dentro e fuori dal laboratorio. Ogni creazione nasce da un’idea che poi viene provata, sperimentata e perfezionata, ogni cioccolatino è come un figlio che fa parte della grande famiglia Marangoni.
Capisci che l’amore di Alfredo per il cioccolato è totalizzante ed insaziabile quando ti racconta che la sera, a casa, quando ha un improvviso languorino lo placa con i cioccolatini da cui è stato circondato per tutto il giorno, mai stanco.

Cioccolatino in sezione

E d’altronde è proprio così: le piccole dolcezze Marangoni sono uniche nel loro genere, ognuna è un microcosmo in cui l’equilibrio perfetto fra la frutta, l’aroma del rum e il cioccolato si sprigiona ad ogni morso… e vorresti assaggiare tutte le varietà disponibili, una dopo l’altra, perchè non ne hai mai abbastanza.

Fiore di cioccolatini

A questo punto non potete non avere l’acquolina in bocca, giustamente… se volete provare in prima persona la magia del Cioccolato Marangoni andate alla Delizia e lasciatevi ispirare!

 
1 Commento

Pubblicato da su 28 ottobre 2013 in Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,