RSS

Archivi tag: curmi

Stop #6: ’32 Via dei Birrai’ artisan beer @ Onigo di Pederobba (Treviso)

Finally, after eating so many kinds of food all around Italy, we moved to beverages… not to any beverage, but to the artisan beer made in 32 Via dei Birrai!

Right when the hot and sultry weather started to boss the show, with almost 40 Celsius degrees that kept us company under a burning sun, we thought it was time to reach Veneto in order to go and get fresh with some sips of excellent artisan beer.

In Onigo di Pederobba, a place located in the plain of Treviso surrounded by hills covered with Valdobbiadene vineyards, in an industrial park you can find the small plant where beer 32 comes to life. Very recognizable, thanks to the unmistakable mark that triumphantly takes up a big part of the external wall.

Before even getting there we meet Loreno, one of the three charter members of the company, who is going to take a coffee in a bar. We join him, start talking and realize that our day will be full of lots of chatter that, apart from being instructive, will be also very pleasant.
In addition to Loreno, who takes care of the commercial part of the work, the other two pillars of the company are Fabiano, Italian-Belgian master brewer, and Alessandro, engineer with a passion for beer.
Every one of them obviously provided with a bright mind, because if there’s an adjective that perfectly fits the 32 brewery is: brilliant!

You can see that from the very first moment you enter the office of the plant, or the small room where they organize courses that, for exemple, teach how to reuse the packing material. Yes, because one of the basic principles of their philosophy is: you mustn’t throw away anything from the beers. Not even the tops, the boxes that contain them or the cardboard that separate the bottles in the six-pack.
The first ones turn into key-rings, wonderful curtains or even jewels; the second ones into shelves, legs for tables and much more; the third ones in leaflets or counter signs. Loreno also invented the “paper-meccano”: some parts of the boxes that contain the bottles can be removed and they can be reused as drip mats or in order to create original sculptures.

You can also find their genius in the design that typifies all the 32 production: the bottles have a peculiar and unique shape, the circle has been chosen as the main symbol, the big colourful round brand – associated to the names of the beers – makes the product immediately recognizable, the tops have the same colour of the brand and on one side there’s a letter… so that you can write sentences just placing them side by side!

Even the name, as you probably noticed, stands out of the mass. Why 32 instead of another number? Because 32 corresponds to the affiliation class of beer, based on the international classification that categorizes all the products. There’s always something new you can learn!

The 32 brewery was born six years ago from nothing. Loreno managed a successful club for 14 years, then he interrupted that business starting new ones that didn’t satisfy him all the way. In the meanwhile, he had met Fabiano, and at a certain point he decided to try their luck realizing a dream with him: opening a brewery. With a first investment of 80000 euros in used machinery, they managed to start the business, that enriched and refined itself with time, bringing the brand ’32 Via dei Birrai’ to a great succes in Italy and in the world.

As for every excellent product, even in this case the basic elements are just a few: the ingredients must be of the best quality – both the cereals, the spices (that come from Romagna), and the hops (from Belgium) have been carefully chosen by Loreno and partners – and the processing must be simple, so that it doesn’t pervert the nature of the final result.

At the bottom of every kind of beer they produce there’s anyway an accurate research, in order to measure out blends and flavours in the best way. A percentage of the revenue from the sales is indeed assigned to research in order to improve the product: in the brewery there’s a small chemistry room where the potions are tested and the magic comes to life.

The processing of beer is composed of different stages: first of all the cereals are roasted – in our case, we tasted some grains of roasted “sour” barley which was the base for the Audace beer – and cooked with hops in the water at a temperature of almost 100 Celsius degrees.

The obtained fluid is filtered in order to remove the residues of the grains, then the yeast is added and the whole thing rests in a tank for many days. In this way a first brewing takes place, which means that a lot of carbon dioxide is released – indeed, there’s a small pipe that gets out from the tank in order to allow air to escape.

Such beer is then bottled, closed with three protective devices – a cork top, a crown cap and the external capsule, put into boxes and then kept in a cell at 24 Celsius degrees where the second brewing takes place, so that every flavour is released in the best way.

Basically, from the beginning of the processing to the moment in which the beer is ready, there are around 45 days. If you consider that there are only two brewing tanks, you can see how the production cannot be much ample, and this preserves a total attention to every step and an excellent final quality. Also consider that a sample of every batch is tasted and, if it doesn’t fit the quality norm, it’s not sold. It’s also true that, as Loreno says more than once, since it’s artisan beer the result is never the same… but it has to be the best every time!

There are seven beers in the 32 stable: Curmi, Audace, Oppale and Tre+Due are produced during the whole year; Admiral, Atra and Nebra on the contrary are seasonal. Each of them has its peculiar characteristics as regards colour, alcoholic strenght, flavours and as a consequence dish-matching.

In order to soothe our curiosity, for lunch we tried to match Tre+Due and Curmi with a serie of more or less seasoned kinds of cheese… and we found out that they’re very good with the most underripe ones.

I’m sure that all this talk about beers made your thirst and your wish to try them exponentially increase, considering the hot summer weather that is surrounding everyone in these last days (at least in Italy).
So you just have to pass by Russi and stop by “La Delizia” in order to get some of these brilliant beers… and if you have friends that love this kind of things, give them some beers from ’32 Via dei Birrai’ as a present and you will cut a dashing figure!

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 1 luglio 2012 in English version!, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tappa #6: La birra artigianale di 32 Via dei Birrai @ Onigo di Pederobba (TV)

Finalmente, dopo tanto mangiare su e giù per l’Italia, siamo passate alle bevande… e non a delle bevande qualsiasi, bensì alla birra artigianale di 32 Via dei Birrai!

Proprio nei giorni in cui il caldo e l’afa hanno iniziato a farla da padroni, con quasi 40 gradi a farci compagnia sotto un sole cocente, abbiamo ben pensato di raggiungere il Veneto per andare a rinfrescarci con qualche sorso di ottima birra artigianale.

Ad Onigo di Pederobba, una località nella pianura trevigiana circondata da colline ricoperte di Valdobbiadene, in una zona industriale si trova il piccolo stabilimento dove nasce la birra 32. Riconoscibilissimo, grazie all’inconfondibile marchio che occupa trionfalmente buona parte della parete esterna.

Ancora prima di arrivare incrociamo Loreno, uno dei tre soci fondatori dell’azienda, che sta andando a prendere un caffè al bar. Ci uniamo, iniziamo a parlare e capiamo che sarà una giornata a base di tantissime chiacchiere che, oltre che essere istruttive, saranno di sicuro anche molto piacevoli.
Oltre a Loreno, che si occupa più della parte commerciale, gli altri due pilastri della compagnia sono Fabiano, mastro birraio italo-belga, ed Alessandro, ingegnere con la passione per la birra.
Tutti e tre evidentemente dotati di menti molto brillanti, perchè se c’è un aggettivo che ben si sposa con il birrificio 32 è: geniale!

Lo si può capire già dal momento in cui si entra negli uffici dello stabilimento, o nella saletta in cui vengono organizzati corsi che, ad esempio, insegnano come riutilizzare i materiali dell’imballaggio. Sì, perchè uno dei principi fondamentali della loro filosofia è: della birra non si butta via niente. Nemmeno i tappi, gli scatoloni che la contengono o i cartoncini che separano le bottiglie nella confezione da sei.
I primi si trasformano in portachiavi, meravigliose tende o addirittura gioielli; i secondi in scaffali, gambe per tavoli e chi più ne ha più ne metta; i terzi in dépliant o cartelli da banco. Loreno ha anche inventato il cartomeccano: alcune parti degli scatoloni che contengono le bottiglie si possono staccare e riutilizzare come sottobicchieri o per creare originali sculture.

La genialità sta anche nel design che caratterizza tutta la produzione 32: le bottiglie hanno una forma particolare ed unica, il cerchio è stato scelto come simbolo principale, i grandi bollini colorati associati ai nomi delle birre rendono immediatamente riconoscibile il prodotto, i tappi sono dello stesso colore del bollino e su un lato hanno stampata una lettera… in modo da poter scrivere delle frasi affiancandoli!

Persino il nome, come avrete notato, si distingue dalla massa. Perchè proprio 32 e non un altro numero? Perchè il 32 corrisponde alla classe di appartenenza della birra, in base alla classificazione internazionale che categorizza i prodotti. C’è sempre qualcosa di nuovo da imparare!

Il birrificio 32 è nato sei anni fa dal nulla. Loreno ha gestito per 14 anni un locale di successo, poi ha interrotto l’attività intraprendendone altre che non l’hanno soddisfatto fino in fondo. Intanto aveva conosciuto Fabiano, e ad un certo punto con lui ha deciso di sfidare la sorte e tentare la realizzazione di un sogno: aprire un birrificio. Con un primo investimento di 80mila euro in macchinari usati, sono riusciti a mettere in piedi l’attività, che si è poi arricchita e raffinata nel corso degli anni, portando il marchio 32 Via dei Birrai al successo in Italia e nel mondo.

Come per tutti i prodotti veramente eccellenti, anche in questo caso gli elementi fondamentali sono pochi: gli ingredienti di partenza devono essere di ottima qualità – sia i cereali, che le spezie (romagnole), che il luppolo (belga) sono stati accuratamente selezionati da Loreno e soci – e la lavorazione deve essere semplice, in modo da non snaturare il risultato finale.


Alla base di ogni tipo di birra prodotta, comunque, c’è un’attenta ricerca pensata per dosare al meglio miscele e sapori. Una percentuale del ricavato delle vendite viene infatti regolarmente destinata alla ricerca per migliorare il proprio prodotto: nel birrificio c’è uno “stanzino del piccolo chimico” dove si provano pozioni e nasce la magia.

Il procedimento di produzione della birra prevede varie fasi: prima di tutto i cereali vengono tostati – nel nostro caso abbiamo assaggiato qualche chicco di orzo tostato ed “inacidito” che sarebbe poi stato la base per l’Audace – e cotti insieme al luppolo nell’acqua a quasi 100 gradi.

Il liquido così ottenuto viene filtrato per togliere i residui dei chicchi, dopo di che vengono aggiunti i lieviti e il tutto rimane a riposare in una cisterna per alcune decine di giorni. Avviene così una prima fermentazione, ovvero viene rilasciata molta anidride carbonica – dalla cisterna infatti parte un tubicino da cui può sfiatare.


La birra così ottenuta viene poi imbottigliata, chiusa con tre protezioni – il tappo a turacciolo, quello a corona e la capsula esterna, inscatolata e poi messa a riposare a 24° in una cella dove ha luogo la seconda fermentazione, che fa sì che si sprigionino al meglio tutti gli aromi.


In sostanza, dall’inizio della lavorazione al momento in cui la birra risulta pronta, passano circa 45 giorni. Se contate che le cisterne di fermentazione sono soltanto due, capite che la produzione non può essere più di tanto elevata, e questo preserva un’attenzione totale nei confronti di ogni passaggio ed una qualità finale ottima. Considerate anche che ogni lotto di birra viene provato a campione, e se non corrisponde ai canoni di qualità non viene venduto. E’ anche vero che, come ci sottolinea più volte Loreno, trattandosi di birra artigianale il risultato non è mai uguale a se stesso… ma deve sempre essere ottimo!

Le birre della scuderia 32 sono sette: Curmi, Audace, Oppale e Tre+Due vengono prodotte continuativamente per tutto l’anno; Admiral, Atra e Nebra sono invece stagionali. Ognuna di esse è dotata di caratteristiche peculiari a livello di colore, gradazione alcolica, aromi e quindi abbinamenti con le pietanze.

Noi, per sedare la nostra curiosità, abbiamo pranzato provando l’abbinamento di Tre+Due e Curmi con una serie di formaggi più o meno stagionati… ed abbiamo scoperto che sono molto adatte con quelli più freschi.

Sono sicura che tutto questo parlare di birre vi abbia fatto aumentare esponenzialmente la sete e la voglia di provarle, con la calura estiva che avvolge tutti in questi ultimi giorni.
Allora non dovete fare altro che passare per Russi e fermarvi alla Delizia per procurarvi un po’ di queste birre geniali… se poi avete degli amici amanti di questo genere, regalate loro qualche birra di 32 Via dei Birrai e farete un figurone!

 
1 Commento

Pubblicato da su 27 giugno 2012 in Uncategorized, Versione italiana

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,