RSS

Archivi tag: gianni

Stop #12: The little realm of Giamaica Caffè @ Verona

Russi-Verona

After some months off, the Travelling Delights are restarting their trips seeking the food and wine jewels that Italy conceals.
This time, more than ever, we had to dig deep in order to find the enterprise we’re talking about: Caffè Giamaica, an artisan company situated at the doorway of Verona.

Actually, the word “artisan company” it’s absolutely reducing: Caffè Giamaica is a small world on its own, a realm that moves to the rythm of the philosophical laws that regulate it by nature.

But let’s start from the beginning…

We stop the car in front of an apparently ordinary building from the seventies and we wonder if we are in the right place. Two unmistakable clues confirm that yes, besides the look, this is the coffee roasting plant we are looking for: a dark iron sign, that reads “Caffè Giamaica”, stares at us from the gate and the coffee scent flutters in the air intoxicating us since the first breath.

Targa torrefazione

We get in and a continuous noise of machinery and moving grains welcomes us. Right after it, comes Simone Fumagalli, that we later find out being the son of the wife of Gianni Frasi (the owner of the company) and the latter’s successive. This guy, with a nice face and a patient manner, takes care of the coffee roasting, after watching for years more expert people at work, absorbing the fire art. Or, as we later understand, his first years of “apprenticeship” haven’t done anything else but helping his nature fulfilling itself… apparently no one else, in the little Giamaica realm, has ever been as good as him in roasting coffee.

Tostatura del caffè

Simone himself explained and showed us how the roasting plant works, and we had the chance to watch it for a long time completely enchanted.
We learnt that their machine, a Vittoria that comes directly from the fifties, roasts the grains with a direct flame for about 15 minutes, whithin which the specific timing changes not only for different kinds of coffee, but even for every single sack… here the mastery of who roasts the coffee gets in the running, because he has to ensure that in the end every grain reaches a consistent “monk’s robe” color – which means that it’s homogeneously roasted.
Thanks to Simone’s words we start to understand that nothing, in there, is trivialized: the roasting is not just a basic recurring process, but it’s the way with wich they give to the coffee the possibility of expressing itself for what it is. Only at that point, tasting the final result, an expert can recognize its qualities and flaws.
Before arriving to the roasting plant, the coffee is grown in an environment with certain characteristics, then it’s harvested and procesed so that the pulp of the seed of the fruit of the plant – what we commonly call “coffee grains” – is ready to be roasted. All of this obviously influences the coffee and gives it specific characteristics: the already quoted qualities and flaws.

Raffreddamento

After the roasting, the grains that will be grinded and used to prepare espresso have to rest for 48 hours.
In a week, that coffee reaches the peak of its potentiality and expresses at its best all of its aromatic and physical characteristics. After a month, those characteristics begin to decline… and this is the reason why the Giamaica coffee is not granted to any client that doesn’t pledge to be able to use it within that period of time. Yes, because in this roasting plant they attentively select not only the grains (from those who “seem to be” the best plantations in the world) but also the clients. They are examined and they have to be approved by Gianni Frasi before deserving a part of this precious treasure.
Precious, very precious… both because it’s an inherent quality of coffeee – in the regulation of trade it’s only secondary to oil – and because in this roasting plant everything that wheels around it forms a kind of mystic cult, and finally because you can definitely say that the Giamaica coffee is a limited edition product. Gianni, Simone and their collaborators only work on demand and, just to have a hint on the amount of their production, read this anecdote: last year, record year for what concerns the amount of the coffee production, working 365 days without any interruption, from the Giamaica plant came out as much coffee as the one that gets out of a big industrial plant in 8 working hours.

Cartelloni Giamaica

This is the reason why, when we met Gianni Frasi, one of the first things he said was that Caffè Giamaica shouldn’t exist. Yet there it is, since the 1930s it continues its activity and it has no intention of giving up.
Perhaps, as Gianni himself told us, if he hadn’t received a crucial suggestion from above in a critical moment, it would have disappeared like thousands of other italian roasting plants, on the contrary it resurrected from its ashes and it started to burn even brighter than before.

Tazzine Giamaica

But who’s Gianni Frasi? It would be reducing to just identify him as “the owner of the Caffè Giamaica company”.
Frasi is a guru that developed a life philosophy that mingles with the cult of coffee, an enigmatic man who inspects the world through his penetrating blue eyes, with which he stares at you as if he wants to understand if you’re worth, if you’re able to get the meaning of his truth facts and to overcome the initiation ritual.
Meeting him smells like coffee and tastes like a university lesson given by that professor that everybody fears and venerates, with an aftertaste of theatre show where nothing is left to chance. Every sentence is weighted, every word has a specific meaning and is a metaphor for the almost esoteric point of view that Frasi has about coffee, his vocation and the whole cosmos.

Torretta dei caffè

It would be impossible to report all of the stages of the fascinating journey that we made following him on the paths charted by his words, but there’s a central concept through which it’s possible to grasp the point of view of this “coffee holy man”.
The raw coffee grains only have a potential existence, and they can develop this potential only thanks to the baptism obtained through the “aqueous fire” of roasting. The product, before and after it, has the same nature but it’s not the same thing anymore. In order to take advantage of their nature, then, the roasted grains need “burning water”… so the circle can close: espresso is not just an ordinary espresso, but it’s the result of an opposite way antinomy with a religious-philosophical aftertaste.

Uomini e caffè

“Men should be like coffee: Strong, Good, Warm”

Are you curious to try the mystic experience of a coffee that comes from the Giamaica plant?
Don’t fear: we overcame the initiation ritual… not only Frasi allowed us to take the pictures that you can see here, but he also granted Paola to sell his coffee at her shop La Delizia (in Russi, Ravenna).
Step by as soon as you can!

Annunci
 
2 commenti

Pubblicato da su 24 settembre 2013 in English version!, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tappa #12: Il piccolo regno di Caffè Giamaica @ Verona

Russi-Verona

Dopo alcuni mesi di stop, le Delizie Itineranti ricominciano i loro viaggi alla ricerca dei gioielli che il mondo enogastronomico italiano nasconde.
Questa volta, più delle altre, abbiamo dovuto cercare veramente bene per scovare la realtà di cui vi parleremo: l’azienda artigianale Caffè Giamaica, situata alle porte di Verona.

In realtà, il termine “azienda artigianale” è assolutamente riduttivo: la Caffè Giamaica è un piccolo mondo a parte, un regno che si muove al ritmo delle leggi filosofiche che lo regolano per natura.

Ma partiamo dall’inizio…

Fermata l’auto davanti a quello che sembra un banale condominio anni ’70, ci chiediamo se siamo nel posto giusto. Due indizi inequivocabili ci confermano che sì, al di là delle apparenze, è questa la torrefazione che cerchiamo: dal cancello ci guarda un’insegna di ferro scuro che reca la scritta “Caffè Giamaica” e nell’aria aleggia un aroma di caffè che ci inebria fin dal primo respiro.

Targa torrefazione

Entriamo e ci accoglie un rumore continuo di macchinari e chicchi in movimento. Subito dopo di lui, arriva Simone Fumagalli, che poi scopriamo essere il figlio della moglie del titolare Gianni Frasi e il successore di quest’ultimo. Questo ragazzo col viso simpatico e il fare paziente si occupa della tostatura del caffè, dopo che per anni ha solo osservato i più esperti all’opera, assorbendo l’arte del fuoco. O meglio, come più tardi abbiamo capito, i suoi primi anni di “apprendistato” non hanno fatto altro che aiutare la sua natura a compiersi… pare che come tosta il caffè lui, non l’abbia mai tostato nessuno prima d’ora, nel piccolo regno Giamaica.

Tostatura del caffè

E’ stato proprio Simone a mostrarci il funzionamento della torrefazione, che abbiamo osservato a lungo affascinate, ed a spiegarci la parte tecnica relativa alla tostatura del caffè.
Abbiamo imparato che il loro macchinario, una Vittoria degli anni cinquanta, tosta i chicchi a fiamma diretta per circa 15 minuti, all’interno dei quali ci sono tempistiche che cambiano non per ogni tipologia di caffè ma addirittura per ogni sacco… è qui infatti che entra in gioco la maestria del torrefattore, il quale deve far sì che ogni chicco raggiunga sul finale un color tonaca di frate omogeneo – ovvero che sia omogeneamente tostato.
Già dalle parole di Simone capiamo che nulla, lì dentro, viene banalizzato: la tostatura non è un semplice processo ripetitivo, ma è invece il modo con cui si dà al caffè la possibilità di esprimersi per quello che è. Soltanto a quel punto, assaggiando il risultato finale, un esperto può riconoscere i suoi pregi e difetti.
Prima di arrivare alla torrefazione, il caffè viene coltivato in un ambiente che ha determinate caratteristiche, raccolto e lavorato affinchè la polpa del seme del frutto della pianta – quella che costituisce i “chicchi” – sia pronta per la tostatura. Tutto questo ovviamente lo influenza e gli conferisce particolari caratteristiche: i già citati pregi e difetti.

Raffreddamento
Dopo la tostatura, i chicchi che verranno macinati e utilizzati per preparare l’espresso devono riposare 48 ore. Nel giro di una settimana quel caffè raggiunge il picco delle sue potenzialità ed esprime al meglio tutte le sue caratteristiche di aroma e fisiche. Dopo un mese, tali caratteristiche iniziano a decadere… e questo è il motivo per cui il caffè Giamaica non viene concesso a nessun cliente che non garantisca di poterlo consumare entro quel periodo di tempo. Sì, perchè in questa torrefazione non sono soltanto i chicchi ad essere attentamente selezionati da quelle che “sembrano” le migliori piantagioni del mondo, ma anche i clienti vengono esaminati e devono ottenere il benestare di Gianni Frasi prima di potersi guadagnare una parte di questo prezioso tesoro.
Prezioso, preziosissimo… sia perchè il caffè lo è intrinsecamente – nella regolazione delle leggi di mercato mondiali è secondo solo al petrolio – sia perchè in questa torrefazione tutto ciò che gli ruota intorno costituisce quasi un culto mistico, sia infine perchè si può ritenere il Caffè Giamaica un prodotto in edizione limitata. Gianni, Simone e i loro collaboratori lavorano infatti solo su ordinazione e, per farvi intuire a quanto ammonta la loro produzione, vi basti questo aneddoto: l’anno scorso, anno record per quantità di caffè prodotto, lavorando 365 giorni senza alcuna interruzione, dalla torrefazione Giamaica è uscito tanto caffè quanto quello che esce da una grande torrefazione industriale in 8 ore di lavoro.

Cartelloni Giamaica

E’ per questo motivo che, quando abbiamo incontrato Gianni Frasi, una delle prime cose che ci ha detto è stata che la Caffè Giamaica non dovrebbe esistere. Eppure c’è, dagli anni trenta del secolo scorso porta avanti la sua attività, e non ha alcuna intenzione di uscire di scena.
Probabilmente, come ci ha raccontato lui in persona, se Gianni non avesse ricevuto dall’alto un suggerimento cruciale in un momento critico, sarebbe sparita come altre migliaia di torrefazioni italiane, invece è risorta dalle ceneri ed ha ricominciato ad ardere ancora più brillante di prima.

Tazzine Giamaica

Ma chi è Gianni Frasi? Sarebbe riduttivo definirlo semplicemente “il titolare dell’azienda Caffè Giamaica”.
Frasi è un guru che ha sviluppato negli anni una filosofia di vita che s’intreccia con il culto del caffè, un uomo enigmatico che indaga il mondo attraverso i suoi penetranti occhi azzurri, con cui ti fissa come cercando di capire se sei all’altezza, se sei capace di comprendere le sue verità e di superare il rito d’iniziazione.
Un incontro, quello con lui, che ha l’odore del caffè e il sapore di una lezione universitaria tenuta dal professore che tutti temono e venerano, con un retrogusto di pièce teatrale in cui nulla è lasciato al caso. Ogni frase è soppesata, ogni parola ha un significato preciso ed è metafora della visione quasi esoterica che Frasi ha del caffè, del suo mestiere e dell’intero cosmo.

Torretta dei caffè
Sarebbe impossibile riportare tutti i passaggi dell’affascinante viaggio che abbiamo compiuto seguendolo nei sentieri tracciati dalle sue parole, ma c’è un concetto centrale tramite il quale si può intuire la visione di questo santone del caffè.
I chicchi di caffè crudi esistono solo in potenza, è il battesimo ottenuto attraverso il “fuoco acquoso” della tostatura che fa sì che essi possano sviluppare questo loro potenziale. Il prodotto, prima e dopo, ha la stessa natura ma non è più la stessa cosa. Per mettere a frutto questa loro natura, poi, i chicchi tostati hanno bisogno di “acqua ardente”… ed ecco che il cerchio si chiude: l’espresso non è più un banale espresso, ma è il frutto di un’antinomia del senso inverso dal retrogusto religioso-filosofico.

Uomini e caffè

Curiosi di provare in prima persona l’esperienza mistica di un caffè proveniente dalla torrefazione Giamaica?
Non temete: abbiamo superato la prova di iniziazione… non solo Frasi ci ha concesso il privilegio di poter scattare nel suo laboratorio le foto che vedete, ma ha anche permesso a Paola di vendere il suo caffè alla Delizia.
Passate in negozio appena potete!

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 settembre 2013 in Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,