RSS

Archivi tag: kosher

Stop #3: Laura’s World cookies @ Rome

Our first trips took us to discover the secrets of two great traditional products of our land, Emilia-Romagna: Branchi’s cooked ham and S. Ilario’s Parma ham.
As regards the third stop, we changed article and, following its sweet call, we went to Rome to visit Laura and to get to know the small world where she makes her wonderful artisan cookies.

Her laboratory, which is also a shop, is located on Tiburtina street, hidden among machine shops and very masculine workplaces: it’s a neat little number that stands out, with a shutter surrounded by a colorful painting and the inside furnished in Occitan style – old furniture painted in white, fuchsia and frivolous wallpaper, flashes of colour given by the ornaments that are spread all over the place, a huge decorative cake covered with white sugarpaste and pink roses, and then Him, the central table, sprinkled with glass jars and cake stands full of cookies.

As soon as the door of that small world opened, a heady scent which smelled like spicy cooking dough welcomed us – we later found out that the oven was full of apple crumbles. Laura immediately appeared, a tiny girl wrapped in a huge work uniform, with a headscarf, a nice face and pink dolly cheeks.
She offered us some cookies, and how could we refuse them?! After a four-hours car drive, we couldn’t ask for a better welcome.

Comfortably sit in a corner used as a small parlour, we started chatting and Laura told us her story.

She was born in Rome, where she attended the hotel-management school – after which she tried to work as a chef, because it was what she had studied for, but she almost immediately stopped, realizing that it’s not at all a feminine job.
Following her interests, she turned to pastry making, but when she was 20 she started feeling not in the right place, so she decided to move with a friend to New York, where she worked as a confectioner in some restaurants.

When she came back to Rome, she went working in a pastry shop which offered very traditional products. Realizing that in that field, in Italy, we were one hundred years late, she left again, with another friend, and she moved to London, where she staied for almost a year. There she worked as a cook, as a baker in a French restaurant – where she learnt the secrets of natural rising – and in the end as a pastry chef in a laboratory which used very rare and precious raw materials.
Life brought her back to Rome, but she soon left again, with a third friend, for Tel Aviv. When she was there, she worked in an artisan biscuit factory, absorbing new influences and learning recipes and the secrets of the trade.

Once back to Rome for the nth time, she worked for a couple of years in a chocolate shop, where the cookies she baked had a great success. At that point she had the idea to start a biscuit production on her own, to then sell them to the owners of the shop.
So, little by little, the “Laura’s World” adventure began: first she rented a laboratory from a friend who gave it to her in the afternoon, then with the help of her parents she managed to open one on her own, and in the end she landed in the current location a couple of years ago.

After opening the artisan laboratory – Laura is one of the very few artisans in Rome, you can count them on the tips of your hand’s fingers! – she was very quick in getting people to know her… for exemple, as soon as she moved to the current building, she went to the Taste fair to introduce her product.
Moreover, this year she participated to CIBUS with the aim to bring Made in Italy in Europe, market of which she’s very fond because she feels it more similar to her work philosophy.

In a word, this miniature woman is totally enterprising and full of experiences that influenced her activity very much and that you can find in the biscuits she makes!

They’re really unique, very different from traditional Italian biscuits but even from the concept of biscuit itself.
They’re small artworks of taste, with three important strong points: the first one is for sure their “clean” flavour, so that you can clearly recognize all the ingredients they’re made of, the second one is the absolute fantasy as regards the names, shapes and colors of packaging, very well-groomed, and the third one is the possibility for the dealers of selling them unpacked, which brings completely back the sensation of craftsmanship and freshness that is the foundation of these products.

So you can find yourself tasting the Pepita (Nugget), a crisp cocoa biscuit, with dark chocolate chunks and Himalaya salt, or the Green Lady, whole wheat, with pistachios, honey and ginger, or the Raggio di Sole (Sunbeam), made of oatmeal, sesame, honey and Corinth raisins… but the options are really a lot, each of them intriguing thanks to the name and the particular look, and so good once tasted!

But how are these biscuits concretely born? We obviously went and looked around the laboratory, with Laura as our guide.
In the backstage of the shop there are various rooms, each of them with a specific function.

We started from the biscuits’ storehouse, where the buckets filled with the ones that will be sold unpacked are parked – not for long. In this time of the year it’s quite empty: the cookies are made and delivered to the addressees almost immediately, at the same rhythm… from August on, instead, the production exponentially increases within sight of Christmas, and sometimes the small storehouse is not even enough to hold all of the boxes, which often invade even other places of the lab.

Then we went in the big room where the biscuits are kneaded, shaped and cooked. In that exact moment, two guys were hand-making some baking trays of Miss Cioccolatissima. We were amazed! Miss Cioccolatissima is one of Laura’s most successful biscuits, it’s a peculiar one, more a dessert than a breakfast biscuit: it’s close-grained but soft, with cocoa and a coffee liquor aftertaste, covered with sugar. The apotheosis of taste. We were very surprised to see how this biscuit is made: while for other kinds of biscuits they legitimately use machines that roll out the dough and make things easier, every Miss Cioccolatissima is hand-made, collecting the soft dough with a tool that shapes it into small spheres (like the ones that are used for icecream, but smaller), and then they’re run over caster sugar and confectioner’s one. One by one, and think that it’s one of the most produced biscuits!

The following room we visited was the one where biscuits are packaged. A few days ago a new machine arrived at the laboratory: it packs them in modified atmosphere, so that they can be stored for a much longer time, without adding any chemical.

In the end, we popped in the ingredients’ storehouse, and we certified what we already knew: all the raw materials are carefully selected by Laura in person, in the strenght of two criteria: quality and being kosher.

After our visit, before leaving the shop with the car loaded with biscuit boxes, we had the chance to taste also a hazelnut brownie… a very gluttonous goodbye!

So, loaded with small sweet artworks, we left bound for Russi (Ravenna). There, at the shop “La Delizia”, you can find also these jewels, both packed and unpacked, perfect as a gift for others or for oneself, even shaped as a maxi colorful cookie-pop.
You have an embarrassing wealth of options, and your taste buds will be very grateful to receive this kind of gifts!

Annunci
 
6 commenti

Pubblicato da su 9 giugno 2012 in English version!, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tappa #3: I biscotti del Mondo di Laura @ Roma

I primi viaggi ci hanno portato a scoprire i segreti di due grandi prodotti tradizionali della nostra zona geografica: i prosciutti cotti Branchi e i crudi S. Ilario.
Nella terza tappa abbiamo cambiato genere e, seguendone il dolce richiamo, siamo andate a Roma a trovare Laura per conoscere il piccolo mondo dove produce i suoi fantastici biscotti artigianali.

Il suo laboratorio, che è anche punto vendita, si trova sulla via Tiburtina, nascosto fra officine e luoghi di lavoro molto maschili: è un gioiellino che spicca, con la saracinesca circondata da un dipinto coloratissimo e gli interni in stile provenzale – vecchi mobili ridipinti di bianco, carta da parati fuxia e frivola, sprazzi di colore offerti dai soprammobili sparsi qua e là, un’enorme torta decorativa ricoperta di pasta di zucchero bianca e rose rosa, e poi Lui, il tavolo centrale, costellato di vasi di vetro ed alzatine piene di biscotti.

Appena si è aperta la porta di quel piccolo mondo, siamo state accolte da un effluvio inebriante che sapeva di impasto speziato in cottura – abbiamo poi scoperto che il forno era stracolmo di crumbles alla mela. Subito è arrivata Laura, una ragazza minuta avvolta in un’enorme divisa da lavoro, fazzoletto in testa, viso simpatico e guance rosa da bambolina.
Ci ha offerto dei biscotti, e come avremmo potuto rifiutare?! Dopo quattro ore in auto, non potevamo desiderare accoglienza migliore.

Comodamente sedute in un angolo adibito a salottino, abbiamo iniziato a chiacchierare e Laura ci ha raccontato la sua storia.

E’ nata a Roma, dove ha frequentato la scuola alberghiera sulla Tiburtina – dopo la quale ha provato a fare la cuoca, che era ciò per cui aveva studiato, ma ha smesso in fretta rendendosi conto che non è affatto un lavoro femminile.
Seguendo ciò che le interessava di più, ha poi virato verso la pasticceria, ma a 20 anni ha iniziato a sentirsi stretta nella realtà in cui viveva ed ha deciso di andare con un’amica a New York, dove ha lavorato come pasticcera in alcuni ristoranti.


Tornata a Roma, è andata a lavorare in una pasticceria che offriva prodotti molto, troppo classici. Rendendosi conto che in quell’ambito, in Italia, si era indietro di cent’anni, è partita di nuovo, con un’altra amica, e si è trasferita a Londra, dove è rimasta per quasi un anno. Lì ha fatto la cuoca, la panettiera in un ristorante in stile francese – dove ha imparato i segreti della lievitazione naturale – ed infine la pasticcera in un laboratorio che utilizzava materie prime molto pregiate e ricercate.
La vita l’ha poi riportata a Roma, dove però è rimasta ben poco prima di partire, con una terza amica, per Tel Aviv. Lì ha lavorato dentro un biscottificio artigianale, assorbendo nuove influenze ed imparando ricette e segreti del mestiere.

Una volta tornata per l’ennesima volta a Roma, ha lavorato per un paio d’anni in una cioccolateria, dove i biscotti che preparava avevano un sacco di successo. E’ stato in quel momento che ha avuto l’idea di iniziare lei stessa a produrne in proprio, per poterli vendere ai titolari del locale.
Così, piano piano, è iniziata l’avventura “Mondo di Laura”: prima il laboratorio lo prendeva in affitto da un amico che glielo lasciava nel pomeriggio, poi con l’aiuto dei suoi genitori è riuscita ad aprirne uno tutto suo, ed infine è arrivata nell’attuale location un paio d’anni fa.

Una volta aperto il laboratorio artigianale – Laura figura come uno dei pochissimi artigiani di Roma, che si contano sulle dita di una mano! – è stata molto veloce a presentarsi al pubblico… tanto che, appena trasferitasi nello stabile attuale, è stata alla fiera Taste per far conoscere il suo prodotto.
In più, quest’anno ha partecipato anche a CIBUS con l’obiettivo di portare il Made in Italy in Europa, mercato che le interessa particolarmente perchè lo sente più affine alla sua filosofia di lavoro.

Insomma, in questa donna mignon c’è un concentrato di spirito d’iniziativa e di esperienze che hanno influenzato moltissimo la sua attività e che si ritrovano tutte nei biscotti che produce!

Sono veramente unici, molto differenti dai biscotti standard italiani, ma anche dal concetto stesso di biscotto.
Sono delle piccole opere d’arte gustative, con tre importanti punti di forza: il primo è sicuramente il loro sapore pulito, in cui sono ben riconoscibili tutti gli ingredienti che li compongono, il secondo è l’assoluta fantasia quanto a nomi, forme e colori delle confezioni, curatissime, e il terzo è la possibilità per i negozianti di venderli sfusi, il che restituisce completamente quella sensazione di artigianalità e freschezza che è alla base di questi prodotti.

E così potete trovarvi ad assaggiare il Pepita, un biscotto friabile al cacao, con pezzi di cioccolato fondente e sale dell’Himalaya, oppure il Green Lady, integrale, con pistacchi, miele e zenzero, o il Raggio di Sole, fatto con fiocchi d’avena, sesamo, miele ed uvetta di Corinto… ma le proposte sono davvero tantissime, tutte intriganti grazie al nome ed all’aspetto particolare, e buonissime una volta assaporate!

Ma come nascono, concretamente, questi biscotti? Ovviamente siamo andate a curiosare nel laboratorio, con Laura a guidarci.
Nel “backstage” del negozio si trovano varie stanze, ognuna con una funzione precisa.

Siamo partite dal magazzino dei biscotti, dove stazionano – per poco tempo – dei secchielli che contengono quelli che verranno venduti sfusi. In questo periodo dell’anno è abbastanza vuoto: i biscotti vengono prodotti e spediti ai destinatari quasi immediatamente, allo stesso ritmo… da agosto in poi, invece, la produzione aumenta esponenzialmente in vista del Natale, e a volte il piccolo magazzino non è nemmeno sufficiente a contenere tutte le confezioni, che spesso invadono anche altre zone del laboratorio.
Poi siamo passate alla sala, molto grande, in cui si impastano i biscotti, gli si dà la loro forma particolare e li si cuoce. In quel momento, il forno ospitava dei crumble alla mela che sprigionavano un profumo incredibile, e contemporaneamente due ragazzi stavano preparando a mano alcune teglie di Miss Cioccolatissima. Siamo rimaste a bocca aperta! Il Miss Cioccolatissima è uno dei biscotti di maggior successo di Laura, è una creazione particolare, più un dessert che un biscotto da colazione o merenda: è compatto ma morbido, al cacao, con un retrogusto di liquore al caffè, ricoperto di zucchero. L’apoteosi del gusto. Siamo rimaste molto stupite nel vedere come venga prodotto questo biscotto: mentre per altri, giustamente, vengono usate macchine che stendono l’impasto e facilitano il lavoro, ogni Miss Cioccolatissima viene fatto a mano, raccogliendo l’impasto morbido con uno strumento che fa le palline (tipo quelli che si usano in gelateria, ma più piccolo), creando la piccola sfera e passandola prima nello zucchero semolato e poi in quello a velo. Uno ad uno, e considerate che è uno dei biscotti prodotti in quantità maggiore!


La stanza successiva che abbiamo visitato è stata quella in cui i biscotti vengono confezionati. Pochi giorni fa è arrivata nel laboratorio una nuova macchina, che confeziona ad atmosfera modificata e che quindi consente di conservare i biscotti molto più a lungo, senza però dover aggiungere alcun additivo chimico.


Infine, abbiamo fatto una capatina nel magazzino degli ingredienti, dove abbiamo potuto constatare ciò che già sapevamo: le materie prime utilizzate sono tutte attentamente selezionate da Laura in persona in base a due criteri, ovvero quello della qualità e quello di essere kosher.

Al termine della nostra visita, prima di lasciare il negozio con la macchina carica di scatoloni di biscotti, abbiamo avuto modo di assaggiare anche un brownie alla nocciola… un golosissimo saluto!


E così, cariche di piccole opere d’arte dolci, siamo ripartite alla volta di Russi. Lì, nel negozio La Delizia, potete trovare anche questi gioielli, sia sfusi che confezionati, ottimi sia da regalare ad altri che a se stessi, anche sottoforma di maxi lecca-lecca biscotto coloratissimo.
C’è solo l’imbarazzo della scelta, e le vostre papille gustative saranno molto grate di ricevere doni del genere!

 
3 commenti

Pubblicato da su 6 giugno 2012 in Uncategorized, Versione italiana

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , ,